VIAGGIO

E distratta prende il volo.

“Il mio desiderio è fuggire.
Fuggire da ciò che conosco, fuggire da ciò che è mio, fuggire da ciò che amo.
Desidero partire: non verso le Indie impossibili o verso le grandi isole a Sud di tutto, ma verso un luogo qualsiasi, villaggio o eremo, che possegga la virtù di non essere questo luogo. Non voglio più vedere questi volti, queste abitudini e questi giorni.”

da “Il libro dell’Inquietudine”
di Fernando Pessoa.

Casa sul mare

 

Il viaggio finisce qui:

nelle cure meschine che dividono

l’anima che non sa più dare un grido.

Ora i minuti sono eguali e fissi

come i giri di ruota della pompa.

Un giro: un salir d’acqua che rimbomba.

Un altro, altr’acqua, a tratti un cigolio.

 

Il viaggio finisce a questa spiaggia

che tentano gli assidui e lenti flussi.

Nulla disvela se non pigri fumi

la marina che tramano di conche

I soffi leni: ed è raro che appaia

nella bonaccia muta

tra l’isole dell’aria migrabonde

la Corsica dorsuta o la Capraia.

 

Tu chiedi se così tutto vanisce

in questa poca nebbia di memorie;

se nell’ora che torpe o nel sospiro

del frangente si compie ogni destino.

Vorrei dirti che no, che ti s’appressa

l’ora che passerai di là dal tempo;

forse solo chi vuole s’infinita,

e questo tu potrai, chissà, non io.

Penso che per i più non sia salvezza,

ma taluno sovverta ogni disegno,

passi il varco, qual volle si ritrovi.

Vorrei prima di cedere segnarti

codesta via di fuga

labile come nei sommossi campi

del mare spuma o ruga.

Ti dono anche l’avara mia speranza.

A’ nuovi giorni, stanco, non so crescerla:

l’offro in pegno al tuo fato, che ti scampi.

 

Il cammino finisce a queste prode

che rode la marea col moto alterno.

Il tuo cuore vicino che non m’ode

salpa già forse per l’eterno. 

 

(E. Montale)

IL GRANDE SALTO ( déjà vu )

 

DI QUESTE MIE DITA

CHE D’ORO SON SEMPRE SPOGLIE

C’E’ L’ANULARE CHE SABATO…

LA TUA FEDE ACCOGLIE.

 

HO DECISO PER IL GRANDE SALTO

SICURA POI  

DI PLANARE SOFFICE…

SULL’ASFALTO.

 

NON CHIEDERMI MAI

PERCHE’ HO CAMBIATO OPINIONE

DOPO DIECI ANNI DI QUESTA NOSTRA UNIONE

MI CONOSCI E GIA’LO SAI:

UNA RISPOSTA NON L’AVRESTI MAI…

 

ECCO.

PARE TUTTO PRONTO INTORNO A ME.

INVITATI, ANELLI, FIORI…

E SOPRATTUTTO TE.

 

COSI’

QUANDO ALL’IDEA TE ORMAI AVEVI RINUNCIATO…

DI PUNTO IN BIANCO

IL MIO CUORE S’E’ INVOGLIATO.

 

TRA UNA SETTIMANA PRONUNCERÒ QUEL FATIDICO SI’

ASSOLUTAMENTE CERTA STAVOLTA..

CHE L’AMORE NON FINIRA’…

DA QUEL MOMENTO LI’

 

COME SAI L’ HO SEMPRE TEMUTO.

QUESTA E’ LA PAURA…

CHE HO SEMPRE AVUTO.

 

COSI’ CONTINUEREMO LA NOSTRA BELLA STORIA.

TRA I MIEI INFINITI SILENZI…

E LA TUA CHIASSOSA BALDORIA.

 

DUE ANIME COSI’ TALMENTE DIVERSE

CHE TALVOLTA SI SONO DISPERSE

VAGANDO CON LA MENTE VERSO LIDI LUCCICANTI

COSI’…

COME SUCCEDE UN PO’ A TUTTI QUANTI.

POI PERO’ CI SIAM RITROVATI

E DI NUOVO INFINITAMENTE AMATI.

 

E  CHE ALLORA SIA !

TI SPOSO DOLCE ANIMA MIA..     

 

DISTRATTA © 2009

 

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

SE TI ABBRACCIO NON AVER PAURA

 

Mi concedo un caffè nella piazzetta di Arraial, un caffè da solo. Mi chiedo se Andrea potrà fare l’amore con una ragazza, scoprire la sua sessualità e conviverci come una fonte di appagamento, se non di felicità. Nessuno distribuisce una mappa per evitare le sciocchezze. Dicono che ai ragazzi autistici il sesso non interessa molto, dicono che sarebbe un rapporto troppo intimo con l’altro. Bravi, avranno ricevuto una lettera da quel mondo che diceva: a noi il corpo e il sesso non interessano, a noi piacciono i numeri primi, le pitture astratte e raddrizzare stuzzicadenti. Io non ho verità ma mi basta guardare Andrea per capire che prova impulsi e desideri. Quando ci troviamo nel bel mezzo di questi argomenti, gli si stampa in faccia un sorriso che non va più via.

(Se ti abbraccio non aver paura)

.

E DISTRATTA PRENDE IL VOLO

 

Un viaggio è sempre una rivelazione.

Prima di luoghi nuovi, è lo scoprire ciò che i luoghi nuovi producono alla mente e al tuo cuore.

Perché viaggiare, è sempre, in qualche modo, setacciare se stessi.

 

 

DISTRATTA prende il volo …

  à bientôt