SENTIMENTO

Parlo alla luna

Ho amato l’energia dei tuoi occhi

ne ho amato la loro luce

che spaccava la notte

mi chiedo dove sei.

Spesso.

Ti ho smarrito nell’inganno di un’estate

che s’ ingoiò le stagioni a venire

e con loro il mio cuore fracassato.

Ho amato i tuoi mezzi sorrisi

la tua follia, le tue mani ossute dormendoti accanto

pur sentendomi sola.

Dov’è la tua vita adesso.

E ogni sera parlo alla luna

cercando segnali di te

che da pietra miliare d’allegria

ne sei diventato pietra sacrale.

 

DISTRATTA

IL MIO ODORE INCISO

 

Un soffio nel petto e aspramente arriva la fine.

Ma te non averne timore.

Non posso promettere di svanire perché sopra al tuo corpo c’è inciso il mio odore,

stabilito in un tempo a noi estraneo.

Tu stringilo forte, che domani io sarò vento, e tutto ciò che sapientemente mi hai negato.

Ascoltami, non restare immobile, che Il freddo si fa più aspro se freni il respiro.

Sei la luce di questo cuore malandato,  dove dentro si aggira un peccato iniziato  e non finito e  che nessuno potrà mai espiare.

 

 

DISTRATTA

 

 

.

Clandestina io

 

E ritorno da te.

Clandestina tra le tue rivelazioni

cerco segnali di te.

Del chiarore che al calare della sera annebbia

e già si adegua ad una nuova alba.

Ritorno da te.

Come l’altalena rimpatria parallela

alle sue severe corde.

T’inseguo tra le impronte  

e nei segni delle mani aspirate

cercate, ingannate.

T’inseguo tra le cose che non ho

e tra quelle che sogno di avere

in una pagina già scritta, in una foto non ancora scattata.

Ti cerco nell’onda sulla riva

dove inconsistente cammino

con il cuore in rivolta.

Ti cerco tra le stelle ogni notte

prima di accostare le finestre

e prima di scoprirti tra miei sogni.

 

DISTRATTA

IO CERCO TE

 
 
Tra le onde violente
che si spaccano su questo mio scoglio
sempre in tempesta
io cerco te.
Come nel cielo  
smisurato
e rischiarato dalle infinite stelle
che un giorno mi hai regalato
io cerco te.
Su questa umida spiaggia  
accesa  
al pensiero di una mano che elabora rime
come inebrianti piogge gelide
io cerco te.

 

 

DISTRATTA

 

 

 

SOGNO LUCIDO (déjà vu)

Mi alzo all’alba di questo nuovo giorno e mentre il fumo del mio caffè s’impasta, con quello della prima sigaretta, mi appoggio alla finestra. Riflessa nel vetro, intravedo la mia immagine e non c’è nessuno, vicino a me, a osservare questo chiarore. Il buio, che fino a un istante prima avvolgeva, come un manto scuro, la spiaggia, ora si straccia, si stempera, dissipandosi come fosse carta che incendia su un fuoco esile che va rafforzandosi a ogni respiro. Un fulgore inatteso mi afferra all’improvviso con tutto il suo infinito candore. Il sole mi ammalia ma i suoi primi raggi, ancora lievi, non riescono a scaldarmi il viso.

Come il pensiero di te accanto a me.

 

DISTRATTA

.

TU VIVI SEMPRE NEI TUOI ATTI

 

Tu vivi sempre nei tuoi atti.

Con la punta delle dita sfiori il mondo.

Gli strappi aurore, trionfi, colori, allegrie: è la tua musica.

La vita è ciò che tu suoni.

Dai tuoi occhi solamente emana la luce che guida
i tuoi passi.

Cammini fra ciò che vedi. Soltanto.

E se un dubbio ti fa cenno a diecimila chilometri,

abbandoni tutto, ti lanci su prore, su ali, sei subito lì;

con i baci, coi denti lo laceri:
 non è più dubbio.

Tu mai puoi dubitare. Perché tu hai capovolto 
i misteri.

E i tuoi enigmi, ciò che mai potrai capire,

sono le cose più chiare: la sabbia dove ti stendi,

il battito del tuo orologio e il tenero corpo rosato


che nel tuo specchio ritrovi ogni giorno al risveglio,


ed è il tuo. I prodigi
 che sono già decifrati.


E mai ti sei sbagliata, solo una volta, una notte che t’invaghisti di un’ombra

– l’unica che ti è piaciuta –

Un’ombra pareva.

E volesti abbracciarla. Ed ero io.

 

 

(Pedro Salinas)

FOTORACCONTO_ L’ATTESA

 

Bell’e Distratta sei

toscana e fiera

occhi di luce e mare dietro il vetro.

Che d’ogni volta troverei maniera

di esprimerti la stima e l’amicizia.

Musa confusa e triste tante volte,

ma dell’abbraccio tuo

porto il ricordo

come del bacio andato chissà dove

distratto anch’esso a prender viso e forma.

Ed è la forma tua d’albe d’incanto,

talvolta penso a cosa stia facendo

ma della cicca e di quei tre scalini

amo aspettar che si palesi il sogno.

Così ora so che un dì ci rivedremo,

migliorerò il dialetto,

so che non è un difetto e sorridemmo,

e come sorrider vorrei sempre avere in mente

il viso tuo di guance belle.

Tienimi stretto a te,

raccontami di belle e brutte cose,

come di viole e rose e quel progetto

di tinteggiare il mondo con la tua arte.

Torna Distratta a me.

Sarò contento

e non m’importa il tempo 

dove o quando.

So che ti avrò con me di nuovo a fianco

a colorar bianche notti e risa!

 

Marco Vasselli per Distratta

2012

© Tutti i diritti sono riservati 

L’UNICO AMICO

 

L’unico amico che ho

potrebbe fare anche il mendicante.

Fa lo stesso.

So che l’unico amico che ho

è la persona a cui voglio un bene dell’anima

e che tenta di studiarmi

per capire chi sono.

Ecco perché unico.

So che l’unico amico che ho

è la parte di me andata persa col tempo,

ma mai sotterrata completamente.

L’unico amico che ho è già parte di me.

Non della mia vita, ma di me.

L’unico amico che ho,  

sei te.

E di meglio non potrei chiedere.

Nemmeno al mio miglior amico. 

 

 

DISTRATTA

 

.

CHE AMICA SEI

 

A Dis.

 

Quando sei quietamente immersa nel tuo laboratorio, di notte,

sembri un angelo
 e chiedo al sole di rimandare l’alba.

Se avessi la sfera magica, farei di te l’onda 
perfetta e del mare il tuo  

mondo.

Tu sei quella che io non sono.
 Sei l’abbraccio.
 Sei quel sorriso in me  

sfiorito.
 E se io fossi il mare, ti terrei sull’isola delle Speranze
e guarirei le  

tue ferite. Se fossi Arte, farei di te una statua d’avorio e rame.


Plasmerei le tue rughe, toglierei quel solco di dolore 
e farei de te l’icona  

dell’amore.

Se irrimediabilmente scendessi nelle piaghe degli inferi
 farei del fuoco solo  

ghiaccio per render fresca
 quella tua malinconia.

Sei nata dal dolore,
sei cresciuta nel nome dell’amore,
sei cosparsa di ferite,


sei TE che sorreggi me. Sei amica mia e oltre.

Tu SEI mare.

E niente di più bello 
questo mondo ha regalato mai.

 

Vento

http://semprevento.wordpress.com/

TUTTI I DIRITTI SON RISERVATI