ESSERE

essere felice

 

Tu al mio fianco sulla sabbia

sei sabbia.


Tu canti e sei canto.

Il mondo è oggi la mia anima 
canto e sabbia.

Il mondo oggi è la tua bocca

lasciatemi sulla tua bocca e sulla sabbia essere felice.

Essere felice perché sì

perché respiro e perché respiri.


Essere felice perché tocco il tuo ginocchio


ed è come se toccassi la pelle azzurra del cielo e la sua freschezza.


Oggi lasciate che sia felice.

Io e basta.

Con o senza tutti.

Essere felice con l’erba e la sabbia.

Essere felice con l’aria e la terra.

Essere Felice.

 

(Pablo Neruda)

GROVIGLIO

Talvolta la mente si offusca. I pensieri si ammassano. Gli occhi si assottigliano. Le parole tacciono. Quel che già so svanisce e quel che appariva oscuro si spalanca al mio conoscere. Come luce inviolata in quest’astruso groviglio che è il mio pensare.

  

 

DIS.

.

ARMONIA

 

E NON VOGLIO PIU’ SENTIRE

QUEI SOLITI DISCORSI CAZZUTI

SPARATI DAGLI STESSI

QUATTRO EVOLUTI

 “ Ma guarda cos’hai! “

“Sei fortunata, non lo sai… ma cosa ti manca! “

HO TUTTO LO SO

MA L’ARMONIA ARRANCA …

NON SI PUO’ ESSERE TUTTI BRAVI

BELLI E BUONI

IO NON SON COSI’

NELLA TESTA HO ALTRI SUONI …

NON SOPPORTO LE VOCI SACCENTI

COSI’ DISTANTI DA ME E DIFFERENTI …

DI CHI DICE

DI LASCIARE IL PASSATO ALLE SPALLE

IN REALTA’

NE HO PROPRIO PIENE LE PALLE …

“ Sei bella, hai una famiglia,

si può sapere che ti piglia? “

MI PIGLIA

CHE NON CI SONO AL MONDO

SOLO GLI OTTIMISTI E I FACILONI

CON LE LORO SAGGE SOLUZIONI.

NON C’E’ SOLAMENTE

CHI SORRIDE ALLA VITA

E GUARDA AVANTI

ESISTE ANCHE CHI HA PAURE

DILAGANTI …

E NON C’E’ DA SORPRENDERSI

O FARSI MERAVIGLIA

SE LA LUCE SPESSO SI ASSOTTIGLIA

PER FAR POSTO A UN BUIO

PESTO E DEVASTANTE

DOVE SI RESPIRA ARIA SOFFOCANTE.

NELLA VITA C’E’ IL SANO E IL MARCIO …

IL BELLO E IL BRUTTO

E VA ACCETTATO UN PO’ DI TUTTO.

QUINDI BASTA

ALLE PAROLE INCORAGGIANTI

DETTE CON L’AUREA DA SANTI …

IO SON COSI’

E LO RIPETO A TUTTI QUANTI

RINGRAZIO PER LA PREMURA …

MA AL MIO ESSERE NON C’E’ CURA

FATTA SOLO D’INCORAGGIAMENTI.

VADO AVANTI E STRINGO I DENTI

E UN GIORNO DIRO’ ANCH’IO …

“ Ahh non mi manca proprio nulla! ”

MA QUANDO TORNERO’ DI NUOVO IN CULLA.

 

 

DISTRATTA

 

 

.  

ASSENZA

 

Certo che ti farò del male. Certo che me ne farai.
 

Certo che ce ne faremo.


Ma questa è la condizione stessa dell’esistenza.


Farsi primavera, significa accettare il rischio dell’inverno.  


Farsi presenza, significa accettare il rischio dell’assenza.

 

 

Antoine de Saint-Exupéry

 .