ANELLI

IL SENSO

 

Come tanti piccoli cerchi

tra loro saldati

danno vita a una catena

così

quel pensiero fisso

è uno dei tanti anelli

che formano la mia.

Concedendo un senso logico

a questo presente che mi appartiene.

 

 

DISTRATTA

.


IL GRANDE SALTO

 

FORSE IL MIO SOGNO TI INSEGUIVA QUANDO ANCORA NON ESISTEVI.

 DI QUESTE MIE DITA

CHE D’ORO SON SEMPRE SPOGLIE

C’E’ L’ANULARE ..

CHE SABATO LA TUA FEDE ACCOGLIE

HO DECISO PER IL GRANDE SALTO

SICURA POI DI PLANARE SOFFICE

SULL’ASFALTO ..

NON CHIEDERMI MAI

PERCHE’ HO CAMBIATO OPINIONE

DOPO DIECI ANNI DI QUESTA NOSTRA UNIONE ..

MI CONOSCI E GIA’LO SAI

UNA RISPOSTA NON L’AVRESTI MAI

PARE TUTTO PRONTO INTORNO A ME

INVITATI, ANELLI, FIORI E SOPRATTUTTO TE ..

COSI’ QUANDO ALL’IDEA ORMAI AVEVI RINUNCIATO

DI PUNTO IN BIANCO

IL MIO CUORE S’E’ INVOGLIATO ..

TRA UNA SETTIMANA PRONUNCERO’ QUEL FATIDICO SI’

ASSOLUTAMENTE CERTA STAVOLTA

CHE L’AMORE NON FINIRA’DA QUEL MOMENTO LI’ ..

SAI L’ HO SEMPRE TEMUTO

QUELLA E’ LA PAURA .. CHE HO SEMPRE AVUTO.

CONTINUEREMO LA NOSTRA BELLA STORIA

TRA I MIEI INFINITI SILENZI ..

E LA TUA CHIASSOSA BALDORIA

DUE ANIME COSI’ TALMENTE DIVERSE

CHE TALVOLTA SI SONO DISPERSE

VAGANDO CON LA MENTE VERSO LIDI LUCCICANTI

COSI’..

COME SUCCEDE UN PO’ A TUTTI QUANTI

POI PERO’ CI SIAM RITROVATI E DI NUOVO INFINITAMENTE AMATI

E ALLORA SIA !

 TI SPOSO DOLCE ANIMA MIA .. 

 

 

DISTRATTA 2009 ©

 

QUARANT’ANNI

 

1973

Distratta bambina

 

E mi ritrovo a quarant’anni

a fare a pugni con i miei danni ..

ogni notte la stessa storia

riemerge quel passato

di poca gloria.

Quella bambina che sorrideva felice

risorgerà donna poi ..

come un’araba fenice.

In questo tempo

ne ho viste di tutti i colori ..

affrontando poche gioie

e parecchi dolori.

Non mi son fatta mancar nulla ..

credo dai tempi della culla.

E mi rivedo ragazzina ..

era duro alzarsi ogni mattina

quando le amiche dormivan fino a mezzogiorno ..

io alle cinque affrontavo il mondo.

IL LAVORO NOBILITA L’UOMO ..

diceva quel padre bello

dal cuore buono.

E così andavo avanti

a denti stretti e muso duro ..

inconsapevole del mio futuro.

Tanti i miei cambiamenti ..

di pari passo con i tormenti.

Ho perso due anelli della mia catena

smarriti come monete ..

nella rena.

Quel babbo buono dolce e onesto

ingoiato dalla notte troppo presto

quel fratello bello e aitante

è l’altro mio cerchio mancante ..

Son cose che ti segnano per sempre

non le cancelli mai ..

dalla tua mente.

Poi finalmente arriva l’alba chiara

e della notte resto ignara

guardo mia figlia bella come il sole

e splendide ..

scorrono le ore.

Poi però tornerà ancora notte

e so che col passato ..

farò di nuovo a botte

 

 

DISTRATTA