ACCETTAZIONE

Ovunque tu sia.

Ho creduto che non ce l’avrei fatta a rinunciare a te per sempre. La tua morte è stata una perdita devastante. Un dolore impossibile da sopportare. Ci ho messo tanto a elaborare. A comprendere. A fare i conti con la realtà. Fino ad accettarla, anche. Mi hanno aiutato. E’ così che lentamente son risalita babbo, ancora una volta. Non accetto ancora, però adesso comincio ad apprendere, che la tua vita è stata un dono d’amore che mi ha fatto crescere.

ciao babbo, ovunque tu sia.

 

B.

IMMUTABILE

Accetto i miei tormenti vivendoli profondamente. Ho imparato che è fondamentale non rigettare l’impetuosità delle sofferenze. Fan parte dell’esistenza e ne prendo parte con tutti quelli che me le rammentano. Però non perdo di vista, neanche per un momento, le cose durevoli. Le massicce catene germogliate col tempo. E agguerrita riesco a differenziare quello che è temporaneo da ciò che è immutabile.


 DIS.