piccole cose

 

Alla fine

giunge il tempo in cui parlare o tacere è lo stesso.

Un tempo di piccole cose

di esigenze minime, di solitudine astratta.

Spalanca le tue mani belle e imprigionaci le mie.

Cerca nei miei occhi e raccontami cosa vedi

dimmi quanto c’è ancora.

E’ piovuto fin troppo nelle nostre esistenze.

Soffochiamo del nostro Sole, adesso.

Tienimi a te, pur quanto folle io sia, che siamo daccapo

ciò che eravamo.

 

 

DISTRATTA
Follow my blog with Bloglovin

11 comments

  1. barbara sono zia mi arrivano tutte te tue bellissime poesie , ma non so se tu ricevi le mie risposte , perché mi arrivano in maniera diversa, un bacio

    Mi piace

  2. Meravigliosa tutta, ma questo passaggio lo è ancora di più, ancora di più:

    Spalanca le tue mani belle e imprigionaci le mie.
    Cerca nei miei occhi e raccontami cosa vedi
    dimmi quanto c’è ancora.

    Un sorriso
    Ondina 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...