Sei la mia schiavitù, sei la mia libertà

 Sei la mia schiavitù, sei la mia libertà

Sei la mia carne che brucia

Come la nuda carne delle notti d’estate

Sei la mia patria

Tu, con i riflessi verdi dei tuoi occhi

Tu, alta e vittoriosa

Sei la mia nostalgia

Di saperti inaccessibile

Nel momento stesso

In cui ti afferro.

 Nelle mie braccia tutta nuda

La città la sera e tu

Il tuo chiarore l’odore dei tuoi capelli

Si riflettono sul mio viso.

 Di chi è questo cuore che batte

Più forte delle voci e dell’ansito?

È tuo è della città è della notte

O forse è il mio cuore che batte forte?

 Dove finisce la notte

Dove comincia la città?

Dove finisce la città dove cominci tu?

Dove comincio e finisco io stesso?

 Il vento cala e se ne va

 Lo stesso vento non agita

Due volte lo stesso ramo di ciliegio

Gli uccelli cantano nell’albero

Ali che vogliono volare

La porta è chiusa

Bisogna forzarla

Bisogna vederti amor mio,

Sia bella come te, la vita

Sia amica e amata come te

 (Nazim Hikmet)

4 comments

  1. scusa il commento è riferito al banner sulla ricerca del cancro. http://youtu.be/2AjdB7xxeno
    sai cosa fanno con i soldi per la ricerca su qualsiasi malattia dichiarata incurabile? si comprano yacht, li investono in socetà offshore alle baamas, si comprano case, mandano i loro figli nelle migliori università del mondo lo stesso fanno con i soldi delle associazioni dei mutilati invalidi, dei ciechi, per i bambini del biafra etc etc se li intascano 😉

    Mi piace

  2. ciao gioia..
    i tuoi post non arrivano nelle mie notifiche…
    mah…
    e allora vengo a cercarti…
    e trovo sempre lei…bellissima e sempre più uguale a te.
    Avrà sicuramente qualcosa di diverso da te, ne sono certa…..
    Ho voglia di vederti di sentirti…sapessi quante volte penso a te…ala tua isola e alla Nina che vedo sempre tra le mie foto.
    ….vabbè…lo so come sei…ma se sai come sono io saprai anche che non smetterò un momento di amarti.

    Sara ….ti manderò una foto…è cresciuta anche lei… e tanto…gran donna…e vederla con l’abito da sposa è talmente immensa l’emozione che anche il vento si ferma un momento…silenzioso.

    Vi abbraccio belle Sirene..
    vento

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...