Il regalo mio più grande (e son 43)

 

Ho vissuto ogni giorno dell’anno perdendo lotte colossali ma son sopravvissuta e sto ancora qua e questa è l’unica vittoria che ho. Una vittoria costata periodi duri, pesanti, scomodi. Notti confuse e smisurate seguite da eterne giornate di attese a perdere. Da questa riuscita adesso ricomincio, con le dovute difficoltà, a prendere in mano la mia vita e tutto quello che c’è adesso accettando ancora una volta la mia ennesima e involontaria metamorfosi, provando ancora una volta ad avere fiducia nel bello e nel buono delle cose.

Perdermi nel sorriso di mia figlia e nella sua spensieratezza è l’incomparabile principio.

 

 

DISTRATTA

20 comments

  1. Come la Fenice, moriamo e nasciamo, rinnovandoci e riscoprendo nuovi pezzi di noi. È importante riconoscere i nostri limiti ed imparare (seppur con sofferenza) a districarci nelle nostre difficoltà, rispecchiandoci negli occhi di chi è in grado di farci felici per il solo fatto di esserci accanto.
    Bentornata Dis

    Mi piace

  2. Adoro i regali che non si “incartano”, le attenzioni piccole che arrivano al cuore come un pugno, adoro piangere a testa alta mentre piove… perchè in tutte le cose è nascosto il bello ed il buono… è questo il segreto della vita… averne coscienza ci aiuta ad essere più sempre più pronti agli istanti che viviamo assieme ai nostri cari… viva!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...