30 GIUGNO ( anniversario del cazzo )

Perché non c’è serenità, né rassegnazione. Solo Amore. 

 

Se tu mi venissi incontro con la mano tesa, ancora potrei, con un nuovo slancio, afferrarla e stringerla. Come allora. Ma di te, di te fratello mio, mi circondano sogni, barlumi, fuochi senza fuoco del passato. La memoria riavvolge e svolge immagini. Ed io stessa non sono più che già l’annichilente nulla del pensiero.

 


 

B.

15 comments

  1. La memoria a volte può essere un rifugio, altre un castigo. Possiamo farne alcova dei nostri pensieri o prigione delle nostre speranze disilluse. Sta a noi scegliere quando è uno e quando è l’altro…
    Ti abbraccio forte, Dis.

    Mi piace

  2. Bella e lacerante. Quei fuochi senza fuoco del passato sono un’immagine forte che mi colpisce molto. A volte resta solo l’ustione di un fuoco, e il ricordo può essere una prigione che tinge la vita di malinconia.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...