DEPRESSIONE

 

 

 

La depressione e il suicidio fan parte di tutti

può colpire chiunque

nessuna certezza che qualcuno ne sia immune.

Si nega la propria vita per amore

per un fallimento, per mancanza di lavoro,

per la scuola, per dei cambiamenti,

per riconoscere la vita e con essa il suo estremo.

Perché non si conosce concretamente la morte.

Ma principalmente perché..

 FRAGILI e troppo SENSIBILI.

Perché i casini della vita sono grandi

 troppo grandi..

per solitudine, emarginazione, per l’assenza di ascolto.

Perché poche sono le cose su cui potersi appoggiare

 nella crescita dell’esistenza.

 Quella crescita sempre più solitaria,

sempre più faticosa, problematica.

Sostengo che sostanziale sia la formazione

da parte dei genitori e degli insegnanti,

 entrambi con le capacità di afferrare

alcuni cenni di disagio.. di malessere,

che possono condurre a un percorso autodistruttivo.

Numerosi, infiniti i CHISSA’ e i FORSE che assalgono

quando si accede nel merito della vita

delle persone e dei loro familiari, di chi è..

di cosa li accerchia nel tentativo di ricercare le motivazioni,

 i percorsi che espongono a un precisato gesto

 che non ha e NON AVRA’MAI una spiegazione.

 I percorsi dell’esistenza.. per tutti, sono sempre più delicati..

intricati e complicati di quanto possono sembrare.

Il grave problema resta che

 anziché cercare le cause che motivano il gesto estremo,

si tende ad analizzare morbosamente i retroscena

senza riguardo di chi resta

(che sarà sottoposto a sensi di colpa insostenibili)

a faccia a faccia con la responsabilità della tragedia

e con le angosce che si portano dentro.

 

PER TUTTA LA VITA

 

 

Ðιک.    

26 comments

  1. Già, hai ragione su tutto ciò che hai scritto, quando ascolto in tv omicidi e suicidi i propri bimbi ammazz, i familiari dicono "ERA DEPRESSA/O" se si arriva a fare un gesto tanto tragico qualcuno ha messo le bende e a pensato gli passerà?

    Mi piace

  2. E’ un post molto forte , mia cara….veritiero sino all’inverosimile…..ti stai rovesciando dentro….stai scandagliando quel fondale con infinita pazienza….con rabbia…con sfacciataggine…forse nessuno ammetterebbe così delle colpe…quelle mancanze….nessuno ha però la facoltà di prevedere….nessuno, credo neppure Dio….io …..io avrei delle cose da dirti……sono personali…..che in qualche modo ci legno….ci tengono sveglie……anche se io adesso devo dormire……lo devo alla mia princy……a lei e solo a lei…..mi capisci?….si Barbara, lo so che capisci……ti leggo e a volte mi lasci l’amaro della vita…..poi lo tramuti in consapevolezza……lo scardini…..e ti lguardo come si giuarda una donna bellissima, intoccabile tanto è il suo degno dolore……potessi lavare il tuo viso dal sale ne saei tanto felice……non si può, lo so…..e me ne rammarico a tal punto da piangere……perchè la vita tesoro mio ti ha reso una valchiria…….mentre dovevi essere solo una fata …….cazzo ……mi dispiace ……che te lo dico a fare……vento

    Mi piace

  3. tutto inizia dal infazia ,,i rapporti che hanno i bimbi col genitori..questi legami che sono le cause di tante cose spiacevole e che ci creano insoportabile ferite sull anime dei bambini che piano piano diventono i punti neri e il seguo ce solo la strada sbagliata..tante volte questa strada condure solo ,,,,,,in mortocome dice il vento sotto………un post fortissimobuon pomeriggio

    Mi piace

  4. dici cose vere e diasarmanti..e soprattutto che non hanno risposte certe…anche perche poi in questi delicati casi..il peggio è davvero per chi resta…a fare i conti con la vita propia e la morte altrui…nel quesito piu antico..del perche si nasce per poi morire…ma è solo uno dei perche senza ceretezza di quesata vita….in cui spesso..è meglio essere leggeri e non pensare…laciare che sia..ma intervenire sukl prossimo che vediamop vacillare..suello si..senza esitazioni…un bacio dis

    Mi piace

  5. Per tutta la vita.Gira e rigira il cerchio riparte e tutto torna.Nulla si cancella. Ma tutto riemerge a galla. Non sempre però siamo noi a metterci le bende. spesso sono gli altri a…. farlo sulla nostra pelle. Lo fanno inconsiamente ma lo proiettano, ed è tanto pesante quanto un marchio a fuoco.E pensare che…. dopo la morte, sulla terra altro non siamo che brezza…Ciao Dis, t’abbraccioB.

    Mi piace

  6. Me ne sono accorta, ma quando chi è depresso arriva alla tragedia i familiari come vivono? Sarà che io sono sensibile e tanto… Ma al posto loro vivei di sensi di colpa

    Mi piace

  7. mi spiace sentirti cosi barbara………..dalle tue parole mi sembra che è una cosa che stai vivendo…..spero di sbagliarmi tesoro……..ha detto bene la tua amica panterina……..è piu’ facile mettere le bende……….e dire ….tanto non è niente ….passera’………un bacione mia cara barbara…………

    Mi piace

  8. Scusa la mia intromissione, ma questo argomento mi tocca da molto vicino. La Depressione, dicono, va’ curata con varie cose tra le quali sedute psicoanalitiche e psicofarmaci, ma il casino è che spesso questi ultimi finiscono per mandare fuori di testa del tutto. Una persona Depressa DEVE essere seguita dai medici e non solo dai Familiari che alla lunga si deprimono anche loro. E’ una vera e propria Malattia, che come hai detto puo’ indurre all’Autodistruzione di vario genere o addirittura al Omicidio-Suicidio. Molte strutture …una a caso ..-la U:S:L- si benda gli occhi…ne vedono tanti di depressi e mai una volta, se in RARI casi, azzeccano la cura. Se poi la storia non va in porto allora diamo il via ai sensi di Colpa che bastonano migliaia di volte al minuto- Chiedere Aiuto non è facile, ma ce la possiamo fare…il difficile è trovare quello GIUSTO! il mio abbraccio. Belial

    Mi piace

  9. Cosa dire…E’ una tematica scottantee molto, come del resto moltissime altre di cuinon si parla assolutamente…Come psicologa so certamentedi questo problema che affrontocon i miei pazienti in modo alternativosenza farmaci e sopratutto con la piena presadi coscienza del paziente, che soffre di un temporaneosquilibrio ma non è stupido anzi…Può senza dubbio capire e comprendere da un posto differenteda se stesso nel quale si identifica o si isola…Il cuore del problema va affrontato da dentro a ritroso e riconsiderando se stessi, rivalutando le proprie sceltee scoprendo ogni giorno di più con chi vivo e sopratutto chi mi sono scelta per vivere così…Quando è cominciato tutto questo…Il mettersi a nudo aiuta a venire fuori e sopratutto a vedersi, consiglio sempredi non reprimere nulla di ciò che emergerà dalle sedute, ma di guardare in facciaogni cosa e mettere la giusta distanza, certamente non in modo astratto ma concretamente con cose reali alle quali ci si tiene particolarmente…(Di solito se non vi èun reale interesse ben presto si abbandona qualunque pratica o attitudine).Ma il tema è lungo…Vi sono altri aspetti…Grazie comunque per questa riflessione…Aiuta a crescere e a guardarsi dentro…Un bacio *Elèna*

    Mi piace

  10. ho sofferto di depressione per un lungo periodo associato anche all’anoressia. non avevo mai avuto aiuto da nessuno anche se ho cercato di manifestarlo ma nessuno mi ascoltava ero arrivata a un punto di non inizio mi stavo consumando da sola senza che nessuno mi stesse accanto.ogni qualvolta che dicevo anche una minima cosa mi aggredivano per tutto. ho dovuto alla fine cercare di reagire prima di tutto perchè l’anoressia mi stava consumendo ero arrivata a pesare 38 kg. in più la depressione acuta che mi stava distruggendo piano piano mi stavo consumando.ma a differenza di alcune persone che non riescono a fare niente io sapevo la causa di ciò che questa malattia così la chiamano mi aveva portato a ridurmi così. dopo anni ho cercato di informarmi io non volevo morire anche se era l’unica cosa che desideravo, ma dovevo reagire e comincia a leggere libri di psicologia. sarà strano per alcune persone ma ci sono riuscita ad uscirne fuori piano piano ci sto riuscendo,senza l’aiuto di nessuno perchè in certi casi di riempono di psicofarmaci e vedo come riducono le persone io così non volevo essere.non sarei mai andata da uno psicologo per cosa poi per parlare di me? essendo una persona riservata e molto diffidente. non ne avrei spiccicato una parola solo una volta parlai con la psicologa ma di ben altre cose e quando mi fece una domanda che non si doveva permettere di fare andai su tutte le furie.io sapevo il motivo perchè stavo male ma lei non si doveva permettere di toccare quell’argomento che ancora oggi mi fa soffrire.scusa se mi sono permessa di scrivere un’abbraccio by dany

    Mi piace

  11. Hai scritto qualcosa di assolutamente vero, che dovrebbe far riflettere…Molto spesso si chiude gli occhi davanti a situazioni e comportamenti che invece dovrebbero far scattare il cosidetto campanellino d’allarme. La depressione è come un cancro che lentamente ti divoraUn abbraccio… AnnA

    Mi piace

  12. a volte mi è capitato si stare così, anche questo periodo non è tra i più sereni…fortunatamente ne esco sempre alla fine…puntandomi un dito contro davanti allo specchio…rimproverandomi…attingendo forza in chi mai mi deluderebbe…e a poco a poco le giornate fatte solo di lacrime, senso di frustrazione, inutilità diventano giornate fatte di questo e piccoli imput che mi risvegliano dal torpore e mi inducono a rimettermi in dicussione…pian piano riacquisto la fiducia la stima in me perchè so di valere comunque…e mi riprendo. Ma pieno rispetto ai professionisti… Dany dovrebbe avere piu fiducia in lor… ciò che dice elena è vero io sto meglio solo quando scavo a fondo…ma se non riuscissi più a farcela mi affiderei senza riserve a chi sicuramente mi aiuterebbe…sempre interessanti i tuoi post, dolce notte

    Mi piace

  13. Io dico solo che so cosa vuol dire essere depressi, è una condizione psicologica insostenibile, ti porta a vedere solo la negatività, come hai detto tu, le persone che ci circondano (e mi riferisco maggiormente alla famiglia) devono capire questo malessere e aiutarti, io sono stata fortunata ad avere dei genitori stupendi e ne sono uscita, ma c’è voluto tempo e anche tante cure. Questo post è molto interessante Barbara, nessuno ne parla mai, molti pensano che la depressione non sia una cosa cosi grave, ma non sanno quanto sbagliano.Ti auguro una serena giornata.

    Mi piace

  14. QUESTA DANNATA MALATTIA,CHE ANCORA A DISTANZA DI ANNI NON RIESCO A CAPIRE,A COMPRENDEREA CONVIVERCI,PERCHE’CREDO SIA ASSOLUTAMENTE IMPOSSIBILE.GIORNI IN CUI TI SENTI UNA ROCCIA,GIORNI IN CUI BASTA UN SOFFIO DI VENTO A FARTI CROLLAREA RIDURTI IN POLVERE,E TU CHE TENTI INVANO DI TORNARE AD ESSERE ROCCIA,CI RIESCI E POI TI RITROVIPOLVERE.E’COSI’PARLARE CON I FIGLI,COGLIERE AL VOLO I LORO PRIMI ANELITI DEPRESSIVI E’IMPORTANTE.LA VITA DI OGGI,NON AIUTA IL DEPRESSO MA LO SOTTERRA ANCORA DI PIU’E MALGARDO QUESTA SENSIBILITA’CON LA QUALE SIAMO NATI,CREDO CHE A VOLTE NULLA E NESSUNO RIESCA A FARCICAPIRE COSE CHE PURTROPPO CONOSCIAMO BENISSIMO.IL GESTO ESTREMO….UN ATROCE RICORDO DI UN MOMENTO IN CUI IL CERVELLONON E’PIU’LUI A COMANDARE,UN GESTO DISPERATO E NON VIGLIACCO COME TANTI DICONO.IL BISOGNO INCONSAPEVOLE IN QUEL MOMENTO E’QUELLO DI FAR RIPOSARE LE MEMBRA,DI DIRE OK…BASTA COSI’NON CI SONO RIUSCITA.HO FRALLITO MA NON SONO UNA VIGLIACCA,UNA CAROGNA.SONO SOLA,E AVREI TANTO BISOGNO DI PARLARE ED ESSERE ASCOLTATA,CAPITA.AVREI BISOGNO DI UNA RISPOSTA A TANTE DOMENDE MA NE BASTEREBBE UNA SOLA.QUANTO COSTA ASCOLTARE PER POI NON VIVERE DI RIMORSI,QUANTO PUO’COSTARE DARE AMORE POCO,CHE PER NOI E’L’UNIVERSO???NON COSTA NULLA,E CHI E’CAPACE DI QUESTO????NON MOLTI MA IO DEPRESSAHO UN CUORE CARICO D’AMORE E NON MI COSTA DAVVERO NULLA DONARLO.NON COSTA DAVVERO NULLA.TI CHIEDO SCUSA BARBARA,MA NON POSSO FARE A MENODI PIANGERE….TI VOGLIO BENETRILLY

    Mi piace

  15. IO VORREI SOLO AGGIUNGERE UNA COSACARA AMICA MIA,NON ESISTE PERSONA CHE CI SI POSSA PARAGONARE A LIVELLODI AMORE ATTENZIONI,SENSIBILITA’.IO SONO ARRIVATA AL PUNTO DI CREDERE FERMAMENTE,DI NON ESSERE FATTA PER QUESTA VITA,IO COME TANTE PERSONE CHE HANNO E SOFFRONO,SIAMO ANGELI…..SI SIAMO I MIGLIORI AMICI CHE UNA PERSONA PUO’AVERE SIAMO ANIME DISPERSE IN UN MONDO CHE NON CI APPARTIENE,PERCHE’NON E’FATTO PER NOI.IO POTREI SCRIVERE UN LIBRO SULLE SENSAZIONI CHE PROVO,SONO ASSURDE A VOLTE MI SPAVENTA L’ESSERE COSI…AVOLTE SONO ORGOGLIOSA QUANDO MI SENTO DIRE,SEI UNA PERSONA FANTASTICA,SEI UN’AMICA,PERCHE’PERCHE’….QUESTE PAROLE NON LE HO SENTITE DA CHI AVREI VOLUTO????QUESTA E’ LA DOMANDA CHE MI ACCOMPAGNA 24 ORE AL GIORNOPER TUTTI I GIORNIDA 26 ANNI A QUESTA PARTE.UN SORRISO

    Mi piace

  16. Inutile io ti dica la mia opinione.. tanto già sai, solo una cosa, il fatto che se ne parli è un segno positivo, vuol dire cominciare ad uscirne perchè chi c’è ancora dentro fino al collo non riesce a parlarne se non con uno specialista.Buon pomeriggio mia dolce sirenetta.. ti voglio bene.. tantissimoBaciuzziOrsola

    Mi piace

  17. Non devi dirmi grazie….io rINGRAZIO DIO che ne parli,e’tanto anche se a te potra sembrare poco,ma credie’tantissimo e ricorda hai delle amiche specialiio dico NOI CI SIAMO.Sei nel mio cuore.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...