Sei fili argentati

DISTRATTA

il pilota

Il vento che passa leggero

mi scompiglia i capelli e smuove il pensiero.

Adesso è preciso, deciso e costante,

s’increspa sul viso un’espressione distante.

Ricordo che era un giorno di sole assoluto

quando girando lo sguardo, ti ho visto, amato e voluto.

E’ bastato il tuo sorriso raggiante per farmi capire

che eri il Mio Uomo e non un semplice amante.

Vestito di bianco, in quella divisa, sconvolgesti i pensieri ..

in una notte improvvisa.

Adesso ti guardo, buttato sul letto,

sul viso tre rughe calcate ma non sono un difetto.

Mescolati ai capelli, hai sei fili argentati

e mi scintilla il sorriso

che i miei occhi com’allora sono ancora incantati.

Qualche anno è passato da quel giorno di sole accecante,

ma nulla è cambiato.

Il mio amore per te è ancora abbagliante.

Buon Anniversario, Amore.

B.

View original post

cinque lettere

E’ eccessivamente breve

ma sorveglia tutto.

Esprime la materia, il respiro, l’esistenza, l’inscindibile mio essere.

Lo sento come il temperamento del sangue.

Lo respiro come il cielo.

Lo trattengo nella parte più profonda di me, così,

come si trattiene un concetto.

Poche cose valgono di più per me.

Non è una voce

ma innegabilmente un indefinibile vincolo

da cinque lettere.

 

DISTRATTA ©